La ansietà è un tratto caratteristico del nostro corpo, la necessitiamo per rilevare situazioni di pericolo e metterci in salvo. Sfortunatamente, un ampia percentuale della popolazione soffre problemi di ansietà per diverse ragioni, arrivando a non condurre una vita normale. Molti di loro probabilmente non conoscono il potenziale del CBD nel ridurre e trattare l’ansia.

Sintomi dell’ansia

Non tutti i sintomi dell’ansia si presentano in modo ovvio. Vi è la credenza infatti che se qualcuno soffre di ansia solo mostrerà sintomi come attacchi di panico. Tuttavia, ci sono altri fattori che possono indicare che stiamo di fronte a una persona con ansietà:

  • Depressione
  • Irritabilità
  • Vertigini
  • Difficoltà nella comunicazione
  • Paranoia

La ansietà è un disturbo psicologico che affetta coloro che ne soffrono in diversi modi e per questo vi sono diversi disturbi di ansia:

  • Disturbi di panico
  • Disturbi di fobia sociale
  • Fobia specifica
  • Disturbi di ansia generalizzata

Le cause che provocano ansia ancora sono, in qualche modo, qualcosa di sconosciuto dato che possono variare in base alla persona che ne soffre. Uguale a molti disturbi mentali, l’ansia può essere un problema secondario legato ad altri disturbi psicologici come, per esempio, il disturbo da stress post-traumatico e la depressione. Studi recenti hanno dimostrato anche i disturbi di ansia possono essere ereditari e possono essere causati da problemi nel funzionamento dei circuiti cerebrali che sono responsabili di regolare le emozioni.

Come può il CBD alleviare l’ansia?

Il CBD, come il THC, è uno dei cannabinoidi più noti della pianta di cannabis. Tuttavia, il cannabidiolo (CBD) funziona in modo diverso rispetto gli altri cannabinoidi.

Secondo vari esperti, il CBD può ridurre l’ansia perché aiuta a stimolare i segnali attraverso dei recettori di serotonina, stimolando uno stato d’animo positivo e un effetto ansiolitico e rilassante.

Un ricercatore brasiliano condusse una ricerca per analizzare gli effetti del CBD nelle persone con ansia. Lo studio si completò con le opinioni delle persone che parteciparono e con uno scanner cerebrale che venne loro effettuato. In conclusione la ricerca evidenziò che i flussi sanguigni del cervello erano consistenti e si dimostrò che i livelli di ansietà si ridussero dopo il consumo di cannabidiolo.

Tenendo presente che sempre più persone in tutto il mondo soffrono problemi di salute mentale, il CBD è un’alternativa di trattamento sicuro e naturale con capacità di migliorare i sintomi e la qualità di vita delle persone. Se vuoi sapere se puoi iniziare ad approcciarti ad una terapia a base di cannabinoidi discutine con il tuo medico curante, contattaci per informazioni generali o per una comanda: info@cbdlogistics.ch.