Glossario

Cannabis/Canapa: è un genere di pianta angiosperma della famiglia delle Cannabaceae. Solitamente si distinguono due specie principali, la Cannabis sativa, Cannabis indica. Le piante di Cannabis sativa, originarie della fascia equatoriale, tendono ad avere una fioritura molto duratura, fino a 14-16 settimane e oltre in alcune varietà, mentre varietà di Cannabis indica, che ha origine nella fascia subtropicale/temperata, solitamente richiedono circa 8-10 settimane per portare le infiorescenze a maturazione.

Cannabinoidi: molecole prodotte naturalmente dal corpo umano e presenti naturalmente anche nella pianta di canapa. I cannabinoidi agiscono come messaggeri sul sistema endocannabinoide presente nel corpo umano, generando risposte biochimiche. Esistono oltre 60 fitocannabinoidi conosciuti.

CBD: Il CBD è uno dei cannabinoidi naturalmente presenti nella pianta di canapa. Rispetto al THC, il CBD agisce su diversi canali neuronali e per questi motivi non risulta psicoattivo e non altera la motricità e la percezione. Al contrario del THC, non provoca effetti secondari come l’aumento del battito cardiaco, della respirazione e della temperatura corporea, l’ansia e le occasionali manifestazioni paranoiche causate dal cannabinoide psicoattivo. Diversi studi scientifici hanno suggerito che il CBD possiede effetti antiossidanti, analgesici, sedativi, antipsicotici, antiepilettici e antinfiammatori. Conccretamente, il CBD può ridurre la sensazione di nausea e di vomito, diminuire le infiammazioni, combattere la degenerazione delle cellule, attenuare I sintomi di ansia e depressione.

THC: Il THC è stato il cannabinoide più studiato prima delle recenti scoperte scientifiche sul CBD. Contrariamente al CBD, il THC è psicoattivo e provoca un rilassamento muscolare e una sensazione di fatica per circa 1-2 ore. Inoltre, il THC può ridurre la coordinazione motoria, diminuire le funzioni cognitive e alterare le percezioni. Diversi studi scientifici suggeriscono che il THC ha proprietà anticonvulsive, antipsicotiche, e antinfiammatorie che possono ridurre gli effetti collaterali della chemioterapia e i sintomi della sclerosi multipla.

Endocannabinoidi: sono una classe di molecole lipidiche accomunate dalla capacità di stimolare i recettori cannabinoidi presenti naturalmente nel sistema endocannabinoide proprio a ogni essere umano.

Molecola: insieme di almeno due atomi uniti fra loro con la condivisione di coppie di elettroni che formano un legame chimico. A seconda della sostanza, ogni molecola possiede proprietà chimiche diverse.

Neurotrasmettitore: molecola presente nel corpo umano che trasporta informazioni fra le cellule del sistema nervoso. Una volta ricevuta l’informazione, queste cellule nervose attivano risposte biochimiche specifiche al neutrasmettitore.

Psicoattivo, psicotropo: aggettivo che definisce un composto chimico che altera le funzioni mentali, psichiche, cognitive e motorie. Le sostanze psicoattive possono creare dipendenza.

Recettore: è una molecola presente sulle cellule che riceve un’informazione da un neutrotrasmettitore e causa una reazione biochimica nel corpo. Esistono tanti tipi di recettori che vengono stimolati dai farmaci per attivare risposte terapeutiche.